per avere successo devi fare.

dicembre 12, 2016

L’eccellenza non è un caso, è una scelta!

Per ESSERE la persona di successo che desideri c’è un’unica strada, dedicarti alla tua crescita e al tuo sviluppo personale. La vera sfida non è con gli altri, ma con te stesso!

C’è chi dice che per avere successo occorre avere “Attitudini positive” e “Pensiero positivo”! Le persone che nel corso della storia hanno ottenuto quello che volevano venivano da ambienti diversi, avevano capacità diverse, hanno agito in maniera differente. L’unica cosa che li accomunava era il fatto di essere convinti di potercela fare. Sviluppare un atteggiamento “pro-attivo” che sia orientato al problem solving, cercare soluzioni a un problema, riuscire a focalizzare la propria attenzione al di fuori  della situazione che lo ha generato, avere delle sane convinzioni, è il primo passo per il raggiungimento dei propri obiettivi personali e lavorativi, perché vanno a influenzare in maniera determinante il livello di motivazione e di resilienza. Stephen R. Covey è stata una delle persone di successo più  importanti sulla leadership a livello internazionale, un esperto della famiglia, un consulente aziendale, e co-presidente della Franklin Covey Company. E’ autore di numerosi bestseller internazionali, tra cui Le sette regole per avere successo, che ha venduto oltre 20 milioni di copie nel mondo, in 28 lingue e in 70 Paesi, ed è stato definito il libro sulle tematiche di business più importante dell’ultimo secolo. Covey è stato riconosciuto dalla rivista Time come uno dei 25 cittadini americani  più influenti. In tanti definiscono il successo come il risultato di scelte ed azioni ispirate e consapevoli. Per la maggior parte degli autori, l’ispirazione è importante ma l’azione lo è ancora di più. Quali sono le strategie che possono aiutarci ad avere successo? Una caratteristica è quella di fissarsi degli standard elevati, difficili ma non impossibili. In questo modo non ci si pone dei limiti soggettivi. Spesso ci si autolimita nei traguardi che è possibile raggiungere. Un elemento ricorrente nelle persone di successo è l’atteggiamento ultra-possibilistico, determinato ma allo stesso tempo flessibile. Questo vuol dire che se qualcosa non funziona, si rimane aperti ai suggerimenti esterni e, se è il caso, si mutano le strategie e/o l’obiettivo da conseguire. Essere possibilisti non vuol dire essere ingenui; se da un lato si è ottimisti, dall’altro ci si “copre le spalle” per eventuali contraccolpi. In altre parole, essere positivi ma con i piedi per terra. Un’altra caratteristica è fissarsi obiettivi nel lungo periodo. Un grande errore che spesso vedo compiere da alcuni dirigenti è preferire “un uovo oggi ad una gallina domani”. Gli individui che hanno successo hanno le idee molto chiare su dove vogliono arrivare e pianificano le oro attività per raggiungere grandi obiettivi nel lungo periodo. Ci vuole pazienza, saper aspettare e agire al momento giusto. Un altro elemento importante è il controllo dell’ira e la capacità di indirizzarla verso obiettivi specifici. Un leader che perde le staffe spesso e volentieri non è lucido nelle decisioni. Fare scelte accecati dall’ira è una pessima idea. Una cosa è avere un atteggiamento “duro” quando è necessario, un’altra è non saper gestire le proprie emozioni quando si è al comando di un’impresa.  Nella nostra vita professionale ognuno di noi si troverà a cambiare anche spesso ruolo o lavoro. Quello che apprendiamo in un contesto lavorativo non è detto che sarà utile anche in altri. Occorre, quindi, identificare delle competenze chiave, nello sviluppo delle quali investire, che abbiano un carattere trasversale cioè, che ci permettano di capitalizzare le esperienze fatte. Vediamo le più importanti:

Public Speaking

L’abilità di parlare chiaramente, in maniera persuasiva ed energicamente, di fronte ad un uditorio di due o più di persone è una delle competenze più importanti che dovrebbe sviluppare chi intende avere successo nella vita. Le persone che sono efficaci comunicatori sono più a loro agio con se stesse e si mostrano agli altri come persone attraenti e degne di fiducia. Diventare abile nell’arte del parlare in pubblico, significa sviluppare l’abilità di vendere ogni cosa: prodotti, idee, punti di vista, e anche se stessi. Il che significa avere più opportunità per se, più occasioni di avanzamento di carriera , clienti sempre più interessanti, e crescenti opportunità di business. Prima o poi, può capitare a tutti di dover parlare in pubblico. Può accadere per motivi di lavoro, a scuola, all’Università, in politica, in una riunione di condominio o semplicemente in un gruppo di familiari durante una festa. Bene! Le persone che sanno parlare apertamente e convincere un intero gruppo di persone hanno molte più opportunità degli altri, e non passano certo inosservate.

Scrivere in maniera efficace

Scrivere bene offre molti vantaggi in comune con il public speaking. Bravi scrittori e copywriter sono più efficaci degli altri a vendere prodotti, idee, e loro stessi. Cambia solo il mezzo con il quale sono trasmesse idee ed emozioni. Cosa intendo quando parlo di saper scrivere in maniera efficace? Imparare a scrivere bene non significa soltanto essere bravi ad usare le regole della grammatica, così come ci è stato insegnato a scuola da ragazzi ma, implica anche lo sviluppo dell’abilità di organizzare i pensieri in una forma coerente e di presentare il testo sempre più vicino all’esperienza del proprio target di lettori, e rendere quei testi quanto più fruibili e persuasivi possibile.Considerando l’enorme quantità di testo generato da quasi ogni attività professionale, sia essa esercitata all’interno di un contesto di pubblico impiego che in un contesto lavorativo di natura privata, una persona capace di padroneggiare l’arte della scrittura può aspettarsi di trovare nel corso della sua carriera tante porte aperte in quasi ogni campo di attività.

Self-Management (gestione personale)

Considerando che “ottenere successo” dipende dalle effettive azioni che compiamo ogni giorno, bisogna sapere che queste sono determinate dalla nostra capacità di focalizzare l’attenzione dove ce ne è più bisogno quando ce ne è più bisogno.Siamo il risultato delle nostre abitudini! Abitudini di successo ci porteranno a diventare persone vincenti in ogni campo della vita.Gestione personale vuol dire avere la capacità di prendere impegni con se stessi e con gli altri e di saper portarli a termine, rispettando scadenze e aspettative.Gestione personale vuol dire anche saper allocare in maniera efficiente il tempo che è poi la nostra vera risorsa strategica.

Social Networking

Quando parlo di social networking non parlo di facebook ma intendo riferirmi alla scienza  della gestione delle relazioni personali.Il Network personale è la rete di contatti formata da tutte le persone che conosci, dai parenti più prossimi fino ai conoscenti più lontani. Il social networking altro non è, che l’arte di coltivare ed accrescere costantemente questa rete. In altre parole è l’arte di conoscere nuove persone, farseli amici e sviluppare attività in comune. Il social networking è forse l’attività più bella del mondo perché ci consente di lavorare divertendoci. Ti dirò di più, la capacità di costruire relazioni non è utile soltanto quando dobbiamo cercarci un lavoro o trovare nuovi clienti. In un’economia dominata da idee e innovazioni il networking crea il canale attraverso il quale le idee fluiscono e nel quale ne vengono generate di nuove. In una rete di grandi dimensioni, coltivata con cura, i legami non sono solo una somma di conoscenze, ma un insieme di relazioni che genera idee ed opportunità e quei rapporti esprimono un valore che è molto più della semplice somma delle loro parti.L’interazione tra le diverse parti rende possibile lo sviluppo di innovazione e creatività e fornisce il sostegno per coltivare nuove idee fino a quando non sono realizzate.

 Creatività

Essere creativi è la capacità di risolvere problemi con nuove idee e di saper individuare nuovi modi di fare le cose. In molti erroneamente credono che la creatività non sia una competenza ma una virtù che si acquisisce alla nascita che serve per lo più solo ad artisti, pittori, scultori, musicisti etc.  La creatività è una competenza come tutte le altre, ci aiuta anche a guadagnare di più, a lavorare meglio e a soddisfare nuove esigenze dei nostri clienti. Tutte le persone di successo, tutti i cantanti e gli attori famosi, gli scienziati famosi, i personaggi importanti della storia, le grandi multinazionali dei nostri giorni, devono il loro successo alla loro creatività. Pensaci anche solo per un momento. Il successo, il vero successo, si ottiene solo proponendo nuove soluzioni, nuove ipotesi, nuovi personaggi, nuove interpretazioni. Le persone, le aziende e i personaggi di successo, hanno tutti fatto “cose nuove” o hanno scoperto nuovi modi per fare le stesse cose che facevano gli altri.  Di conseguenza, la gente ha preso atto della loro novità e ha cominciato a seguirli. Pensa ad Adidas, Coca Cola, 3M, Heinz, Ferrari etc, tutti si sono distinti grazie alla loro creatività.

 Pensiero critico

Viviamo nella società dell’informazione. Ogni giorno siamo esposti a centinaia, se non migliaia, informazioni in più rispetto a quanto lo potevano essere i nostri nonni . Non so se ci hai fatto mai caso ma vorrei chiederti : “quante ore passi su internet a cercare le informazioni giuste?” Internet oggi è una fonte di informazioni di inestimabile valore. Possiamo sapere tutto di tutto ma, quante delle cose che leggiamo, quando facciamo una ricerca on line, sono davvero utili a quello che stiamo facendo ora. Ricordi il vecchio adagio “il tempo è denaro“? Troppe informazioni potrebbero farci perdere tanto denaro! Quanto tempo impieghi per valutare se una informazione ti è utile ora o se ti potrà essere utile in futuro o se è completamente inutile? Essere in grado di valutare tali informazioni, discernere tra quelle potenzialmente preziose, e quelle inutili e banali, analizzare la loro importanza e comprenderne appieno il significato, in riferimento ad altre informazioni, è una competenza di cruciale importanza. Saper gestire le informazioni è una competenza realmente importantissima. Gestire l’informazione con senso critico è una competenza tristemente insegnata poco. Nel momento storico che stiamo vivendo chi riesce a padroneggiare questa abilità può aspettarsi in brevissimo tempo di distinguersi facilmente dalla massa e fare una brillante carriera.

Matematica

Quando parlo di matematica in una qualunque aula di formazione il 90%dei partecipanti salta sulla sedia pensando ai noiosi problemi di geometria delle scuole superiori. Se può confortarti, non devi essere in grado di risolvere equazioni ed integrali per avere successo nella vita. Ho conosciuto tantissime persone di successo che non avevano la minima idea di cosa servisse il teorema di Pitagora. Tuttavia, la matematica è la scienza più immediata per sviluppare una mente critica e un pensiero analitico. La capacità di lavorare rapidamente con figure nella propria mente , per fare stime approssimative ma abbastanza precisa, è una competenza fondamentale che ti ritornerà spesso utile, per valutare spazi proporzioni pesi e valori. Conoscere le regole base della logica matematica e le basi dell’insiemistica è alla base di una mente elastica e orientata all’analisi dei problemi. Infine capire concetti come “interesse”, “interesse composto” e la statistica di base ti dà un grosso vantaggio sulla maggior parte delle persone. Tutte queste abilità e conoscenze ti aiuteranno ad analizzare i dati in modo più efficace e più rapidamente, conoscendoli sarai in grado di prendere decisioni migliori sulla base di una analisi approfondita, razionale e dettagliata dei dati disponibili.

Lingua inglese

Forse questa me la potevo anche risparmiare, considerando quanto è ovvia! Te lo dico senza mezzi termini: Se non conosci l’inglese sarai per sempre fuori da un sacco di cose !  L’Inglese lo parlano quasi due miliardi di persone nel mondo.Non venirmi a raccontare che oggi nel mercato globale sono importanti anche lingue come lo spagnolo il francese e il cinese , perché se non sai prima l’inglese non vai da nessuna parte. L’Inglese non solo è la lingua ufficiale di Regno Unito, Australia, U.S.A., Canada, Irlanda, Nuova Zelanda ed i Paesi Caraibici di colonizzazione britannica ma, è anche la lingua straniera più parlata in Europa del Nord, Cina, Russia, India, Giappone, America latina e in molti altri paesi dell’Asia, e dell’Africa, ed è anche usato come lingua ufficiale da moltissime organizzazioni internazionali. Pensi che un ragazzino cinese studi il francese l’italiano o il tedesco a scuola ? No per niente. In Cina, come in quasi tutto il mondo si studia l’inglese come lingua straniera. Al mondo ci sono più cinesi che parlano inglese come seconda lingua delle persone che parlano inglese negli Usa. Infatti, 320 milioni di persone in Cina , più dell’intera popolazione degli Stati Uniti, hanno meno di 14 anni e studiano tutti l’inglese imparando più di 500 vocaboli all’anno!

Ricerca delle informazioni


Nessuno può sperare di sapere tutto nella vita! È un illusione pensare anche di conoscere solo una piccola frazione del tutto in maniera completa ed esaustiva. Anche all’interno del tuo campo di attività, è probabile che ci siano molte più cose che non sai di quelle che sai. Avere la pretesa di dover imparare tutto è uno stupido atto di superbia che non porterà mai nessuno lontano. Non c’è bisogno di sapere tutto per avere successo ma, piuttosto, si dovrebbe essere in grado di sapere reperire in modo rapido, indolore ed economico le informazioni di cui si ha bisogno. Questo significa che bisogna diventare esperti ad usare Internet in modo efficace ed efficiente, ad usare una biblioteca pubblica, a leggere in modo produttivo e soprattutto selettivo, e a sfruttare la propria rete di contatti per reperire informazioni. Infine, quando si è diventati esperti nell’uso di questi strumenti informativi è opportuno sviluppare la capacità di individuare all’occorrenza, in funzione della tipologia di informazione che si cerca, il tipo di ricerca più efficace ed efficiente. Ti faccio un esempio: “se hai bisogno di una informazione in merito a materia di natura fiscale, è inutile perdere mezza giornata a leggere milioni di pagine internet sulla ultima novità fiscale proposta dal governo. Il tuo tempo può essere utilizzato in maniera più produttiva facendo ben altro. Trovati, piuttosto, un buon commercialista e chiedi a lui. Al giorno d’oggi tutti noi abbiamo, nella nostra rete di contatti, diretti o indiretti (amici degli amici) un professionista per ogni occasione Fai un paio di telefonate e risolvi il problema subito!

Gestione dello stress

Quante volte ti dici : “mi sento un tantino stressato“? Quante volte ti sei detto,  “sono così impegnato che non ho un attimo di tempo libero“. Semmai ti sei sentito anche un gran figo a formulare frasi del genere, magari quando hai dovuto rifiutare un invito al cinema, o una passeggiata al mare con gli amici: “non ho tempo da perder io ! Ho delle responsabilità!” Bene vorrei che considerassi una cosa: Lo stress non solo ci uccide, ci fa sentire stanchi spossati e indolenti verso le attività lavorative ma, cosa ancora più grave ci porta ad impoverire la nostra capacità di scelta, ad impoverirci nel pensiero, ad impoverirci nelle relazioni e nella gestione delle occasioni di socializzazione. Lo stress ci impoverisce in tutti gli aspetti della nostra vita. Lo stress ė una palla al piede. Consideralo come una ingente rata di un mutuo. Quindi sappi che non riuscire a rilassarsi, annulla gli effetti positivi di almeno tre delle competenze citate in questo elenco  e fa anche tanti altri danni. Inoltre, se lavori sempre da solo fino allo sfinimento, al fine di tenere il passo con la concorrenza, non conservando alcuno spazio per te, per goderti i frutti del tuo lavoro, sappi che quell’esperienza che stai vivendo non è veramente “successo” ma una prigione. Forse una prigione dorata, ma pur sempre una prigione. Rilassarsi significa avere l’opportunità di ricaricare le batterie ed attingere a risorse anche nascoste. Essere in grado di affrontare le crisi con la tua forza d’animo, con la tua fiducia in te stesso e nel modo più produttivo è forse la cosa più importante in questa lista.Sviluppa la capacità di rilassarti !

 Principi di contabilità

Nella società in cui viviamo poche sono le certezze! una di queste è che i soldi sono davvero necessari. A meno che tu non abbia trovato il modo per sopravvivere di sola aria questa é una competenza fondamentale. Saper tenere traccia delle spese e delle entrate è una cosa importante già soltanto per sopravvivere ed arrivare alla fine del mese, figuriamoci quanto possa servire per poter crescere e prosperare. Inoltre, i principi di contabilità si applicano più in generale a cose come : il monitoraggio del tempo speso in un progetto o per stabilire se il valore di una attività supera il suo costo in termini finanziari, di tempo e fatica.

Che altro?

sviluppa una visione di te stesso come un vincente, allenati a pensare al “se va bene” invece che al “ e se va male?”, goditi il momento, credi nelle tue capacità, e se hai bisogno di abilità che non hai, sviluppale leggendo e studiando o seguendo corsi. Scommetti su te stesso!

A presto.

 

Condividi:

Facebook
Google+
http://www.matildebuonanno.it/blog/per-avere-successo-devi-essere/
Twitter
LinkedIn
Instagram

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *